Rosso movimentatoAcrilico, 50 x 50 cm (2013)

 

Periodicamente ritorna la domanda su come nasce un’opera d’arte, da dove l’artista riceve la sua creatività, da dove prende le idee e come fa a mantenere viva la sua ispirazione. Poi arrivano le solite domande del perchè, per che cosa, per quale motivo…

Come se si potesse arrivare ad una facile risposta.

Ma non c’è.

Sono stati scritti grossi volumi su questi argomenti, costruite delle teorie, delle ipotesi e si è discusso a lungo. Tutto questo ha raramente portato a delle risposte soddisfacenti.

L’autore che si avvicinò forse di più fu Alain (E.A. Chartier / 1868 – 1951). La sua opinione era che “il fare è la sorgente del bello” e che “l’arte è una forma del fare e non del pensare”. (Préliminaires à l’esthétique / Nov. 1935).

“Di solito ci si chiede che cosa abbia progettato l’artista e di seguito si paragona con il risultato. Ma la natura della pittura è l’attività del dipingere. Fino a quando l’artista non ha tirato la prima pennellata di colore i suoi pensieri sono sospesi nel vuoto e la sua forza di immaginazione si prende gioco di lui, con la brillante promessa del possibile. Ma una volta cominciato il suo lavoro subentra la dinamica propria dell’azione: quello che fa momentaneamente si misura con quello già fatto e cresce lentamente, passo per passo, al di là di quello che voleva fare.”

(Traduzione di R. Battilani)

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)

Johann Widmer